Wengen: apprendisti entusiasti incontrano un soddisfatto Feuz

Wengen: apprendisti entusiasti incontrano un soddisfatto Feuz

Due muratrici, diciotto muratori e tre costruttori stradali hanno fatto il tifo per Beat Feuz lungo il suo percorso preferito a Wengen. Feuz si è classificato al secondo posto sulla Lauberhorn, a 14 centesimi di secondo dal primo classificato. I 23 apprendisti del settore dell'edilizia principale hanno accolto Feuz con un grande applauso durante il Meet & Greet finale.

Ancorato alle radici
«Il lavoro nell'edilizia e lo sci sono due aspetti fondamentali della mia vita. Il tempo che ho trascorso in cantiere ha rappresentato per me una scuola di vita preziosa dalla quale traggo ancora vantaggio e costituisce anche una base del mio successo sportivo. Sono onorato di poter trasmettere alle giovani generazioni la versatilità delle professioni edili nel mio ruolo di ambasciatore», afferma lo sciatore professionista Beat Feuz.


Feuz impersona le caratteristiche tipiche del settore dell'edilizia principale: solidità, onestà e affidabilità. Si tratta di tre peculiarità che vengono richieste anche agli apprendisti. Umilmente raccontano del loro lavoro, delle sfide che i cantieri più grandi comportano e del desiderio di poter rimanere con il loro datore di lavoro dopo aver superato l'esame finale.

Più che posare pietre
È possibile che le ambizioni di Beat Feuz abbiano contribuito al suo successo e che il senso della disciplina appreso durante il suo apprendistato come muratore lo abbia aiutato nella sua carriera di sportivo professionista? I giovani apprendisti ne sono convinti, anche perché loro stessi sono ricchi di umorismo e ambizioni, proprio come la star dello sci.


Nolween Lambelet racconta con entusiasmo di voler iniziare, questa estate, la formazione come capomastro. La giovane muratrice non vede l'ora di poter dirigere un team di colleghi. In seguito, Lambelet intraprenderà gli studi di architettura.
Anche altri apprendisti raccontano delle loro ambizioni: «Questa settimana inizia il mio ultimo corso nella Maurerhalle. Proveremo l'esame di apprendistato finale e otterremo un valore di riferimento sul quale dovremo ancora esercitarci», spiega Björn Vogel del Cantone San Gallo. Anche Vogel ha trasferito nello sport la sua ambizione professionale. Ai Campionati Europei di calcio su bicicletta, nel 2018, ha vinto la medaglia di bronzo insieme alla squadra svizzera. 


Le straordinarie opportunità di perfezionamento professionale rappresentano una prospettiva stimolante per quasi tutti i 23 apprendisti. Fare il muratore richiede conoscenze specifiche che vanno al di là della capacità di mettere una pietra sopra l'altra. Tra gli apprendisti, anche i tre costruttori di strade vedono la carriera nel settore dell'edilizia come un obiettivo realmente raggiungibile.

Impegnativo per il corpo e la mente
Costruire edifici e strade è un lavoro fisicamente impegnativo. Oltre a lavorare con materiali da costruzione di base, ci sono apparecchi tecnici che possono alleggerire le operazioni più impegnative dal punto di vista fisico. Proprio per questo motivo gli apprendisti devono impegnarsi molto nel loro lavoro: la fretta non è la scelta giusta e può comportare dei rischi. Anche dal punto di vista prettamente scolastico, la scelta di frequentare un apprendistato nel settore dell'edilizia è una possibilità da non scartare: in particolare la matematica e l'immaginazione spaziale sono fattori decisivi. E per potersi affermare nella vita lavorativa di tutti i giorni occorre saper riflettere prima di agire.