Richiesti, sollecitati e incoraggiati

Richiesti, sollecitati e incoraggiati

Spalare e spazzare dopo i lavoratori: è questa la vita quotidiana degli apprendisti costruttori stradali? Sbagliato! I costruttori stradali in formazione possono anche assumere responsabilità e sono coinvolti in tutte le fasi del lavoro, come dimostra il nostro esempio su un cantiere della Brossi AG a Winterthur.

La Hofackerstrasse di Pfungen, nei pressi di Winterthur, aveva visto giorni migliori. Le buche e le crepe hanno reso chiaro il caso: qui deve passare un escavatore. Al volante dell’escavatore, che ha scavato l’intero fossato, non c’era però un costruttore stradale con decenni di esperienza, ma Nico Furrer, che l’anno scorso ha concluso l’apprendistato. Non è un compito facile per il ventenne. «C’erano moltissime condotte trasversali e non tutte erano adeguatamente segnate» dice. C’è comunque una buona ragione per cui i movimenti della sua mano sono azzeccati. Nico Furrer è stato formato per assumersi questa responsabilità. Durante la sua formazione come costruttore stradale, Nico Furrer svolgeva già compiti impegnativi, in presenza e sotto la supervisione del capomastro sul posto.

Brossi_Plan

Un tuffo nell’acqua fredda
«In linea di principio, da noi un apprendista nella costruzione stradale può svolgere fin dal primo anno tutti i lavori che svolge anche un costruttore stradale qualificato», afferma Simon Bigler. È titolare e direttore dell’impresa di costruzioni stradali e del genio civile nella 5a generazione. Sa in questo modo di sfidare gli apprendisti di Brossi. Ma per esperienza personale sa: «Anch’io sono cresciuto con le sfide nella mia carriera».

Brossi_NicoFurrer
Brossi_SimonBigler

Naturalmente i collaboratori più giovani non sono lasciati completamente da soli. Nel suo lavoro, il capomastro Roman Briner si concentra infatti su Nico Furrer – lo stimola e gli assegna compiti mirati. Alcuni di questi assomigliano a un tuffo nell’acqua fredda. Ma per Nico Furrer la fiducia riposta in lui significa soprattutto una cosa: grande apprezzamento. Vorrebbe maturare ancora un po’ di esperienza prima di seguire un corso di perfezionamento presso la scuola per caposquadra. Il direttore Simon Bigler sostiene attivamente l’ulteriore sviluppo degli ex apprendisti. La Brossi AG si fa carico della maggior parte degli eventuali costi di formazione continua. «È un’occasione che è molto apprezzata», afferma soddisfatto.

Brossi_Abschlusssteine
Brossi_Abschlusssteine2

«Tenere duro» ... e approfittare
Ma per queste offerte di perfezionamento professionale ci vogliono degli apprendisti, e trovarli di nuovo è un’impresa ardua. La Brossi AG pubblicizza i propri posti di tirocinio con attività multimediali su canali digitali e in presenza fisica a eventi. «Ma dobbiamo combattere i pregiudizi», afferma Simon Bigler. «Ho l’impressione che oggi il mestiere di costruttore stradale sia un po’ disprezzato.» Molti pensano che la professione sia solo un duro lavoro fisico. «Naturalmente la formazione è dura», afferma Bigler. Ma per esperienza personale sa: «Tenere duro» vale la pena, ripaga a posteriori. Sa cosa serve: «Bisogna essere robusti. Bisogna saper gestire lo stress. E anche il pensiero spaziale è un vantaggio», afferma il giovane costruttore stradale. Simon Bigler menziona molti vantaggi. «La possibilità di lavorare così giovani a progetti così grandi è unica non solo nel settore delle costruzioni.» Chi lo vuole può fare molta strada velocemente – anche in termini di salario mensile, ad esempio come capomastro.
Un altro argomento motiva Nico Furrer guardando alla Hofackerstrasse che sarà presto rinnovata: «Quando una strada come questa prima sembrava rotta e quando abbiamo finito tutto è di nuovo a posto – ti rende orgoglioso!» E quando anni dopo si passa davanti a un vecchio cantiere, si risvegliano i ricordi del lavoro e della collaborazione con i colleghi. «E questo mi rende sempre felice».

Brossi_Bagger
Brossi_Bagger2

Una carriera nella costruzione ha molto da offrire. Le imprese di costruzioni svolgono un ruolo centrale nell’attrarre, formare e mantenere nel settore i lavoratori qualificati del futuro. È sui cantieri delle singole imprese che si decide se i collaboratori di talento interessati rimangono nel settore e se possono diventare delle figure chiave. Molti membri della SSIC fanno un ottimo lavoro al riguardo. Nella sua campagna pubblicitaria delle professioni, la SSIC si basa deliberatamente su storie valide, raccontate direttamente dalle imprese stesse.

Se anche la Sua impresa porta avanti un progetto interessante per gli apprendisti, si metta in contatto con noi e invii foto e input al seguente indirizzo e-mail: brfswrbngbmstrch.