IL CORAGGIO DI CAMBIARE

IL CORAGGIO DI CAMBIARE

Timo Gisi è il titolare della Karl Gisi AG, azienda edile specializzata nella costruzione di case unifamiliari.Abbiamo parlato con lui e ripercorso la sua carriera che da apprendista muratore lo ha portato a diventare impresario-costruttore, svelandoci la strategia manageriale che ha portato la sua azienda e il suo team al successo.

Abb02_Dottikon_Office

Timo ha imparato il mestiere di muratore lavorando in una piccola impresa, per poi entrare nell'azienda del padre,che fondò la Karl Gisi AG a Dottikon nel 1978. «All’inizio ho dovuto dare prova delle mie capacità», afferma Timo Gisi, ricordando i primi tempi trascorsi nell’impresa di famiglia.Karl Gisi dirigeva l’impresa con un stile tradizionale, che gli permise di raggiungere il successo.Quando nel 2003 Timo Gisi prese in mano l’azienda, portò avanti anche lo stile dirigenziale di suo padre.Timo Gisi assunse subito la nuova responsabilità con un senso di sicurezza, dirigendo il team di 15 collaboratori nel modo che pensava avrebbe funzionato.«Volevo anche accontentare mio papà», afferma.Ma questa fase non decollò.Timo Gisi si accorse di aver perso la gioia di lavorare e di conseguenza decise di cambiare le strutture dirigenziali.«Nel settore dell’edilizia non sono possibili gerarchie piatte», afferma.Tuttaviainiziò a integrare maggiormente il team nei processi, contribuendo così all’ulteriore crescita aziendale.Oggi 26 persone lavorano alla Karl Gisi AG.

Abb03_Dottikon_TimoGisi

Anche i toni tra i collaboratori sono cambiati:sono meno bruschi e la collaborazione all’interno del team è forte.«Abbiamo un bassissimo tasso di fluttuazione», afferma Timo Gisi con una punta di orgoglio.È convinto che costruire insieme un edificio unisca le persone.La costruzione rimane generalmente nel tempo ed è fonte di gioia non soltanto per chi l’ha costruita, ma anche per chi la utilizzerà.«Questo è il lato più bello del nostro lavoro e il mio più grande stimolo», dice l’impresario-costruttore.

Abb04_Dottikon_Planhaus

Dirigere e lasciar fare
Timo Gisi ha anche ripensato i processi.«Non è meglio, più bello o più veloce.È soltanto diverso».Dimostrano spesso coraggio e volontà a sperimentare qualcosa di nuovo, in un settore in cui molti si affidano a soluzioni ormai consolidate negli anni.Ma il coraggio apre a nuove opportunità.E Timo Gisi ha deciso di coglierne una con il suo team.In azienda utilizzano una legaferri, uno strumento che serve per legare i tondini di ferro.Prima di allora questo processo veniva svolto manualmente dai cottimisti.L’acquisto della macchina è stato costoso, ma ha alleggerito il lavoro dei dipendenti, consentendo di raddoppiare la velocità di lavorazione.

Pensando al futuro Timo Gisi vuole organizzare l'azienda in modo da tale da renderla il più possibile indipendente da lui.Per raggiungere questo obiettivo deve lasciar fare ai suoi dipendenti.«Tutti hanno delle responsabilità, fino all’ultimo.E chi si trova più in alto riporta.»Timo Gisi lo sache non sono ancora a questo punto.«Non è facile, ci vuole coraggio, da entrambe le parti.Ma anche questa è un’opportunità.»

Una carriera nella costruzione ha molto da offrire. Le imprese di costruzioni svolgono un ruolo centrale nell’attrarre, formare e mantenere nel settore i lavoratori qualificati del futuro. È sui cantieri delle singole imprese che si decide se i collaboratori di talento interessati rimangono nel settore e se possono diventare delle figure chiave. Molti membri della SSIC fanno un ottimo lavoro al riguardo. Nella sua campagna pubblicitaria delle professioni, la SSIC si basa deliberatamente su storie valide, raccontate direttamente dalle imprese stesse.

Se anche la Sua impresa porta avanti un progetto interessante per gli apprendisti, si metta in contatto con noi e invii foto e input al seguente indirizzo e-mail: berufswerbung@baumeister.ch.