L'autostrada tra corsi d'acqua e corridoio faunistico

Sul tratto dell'A13 tra Coira nord e Zizers il traffico corre su due carreggiate indipendenti per senso di marcia. La carreggiata sud verrà spostata accanto a quella nord, un progetto che richiede di conciliare gli interessi di ferrovia, acque e fauna.

Tra Coira nord e Zizers, nei Grigioni, una fascia di terreno molto estesa separa la carreggiata sud dell'autostrada A13 da quella nord. Non avendo una corsia d'emergenza continua, la carreggiata nord non soddisfa più da tempo le esigenze dell'ordinanza contro l'inquinamento fonico e dev'essere risanata. Anche la carreggiata sud va ottimizzata: in futuro il tracciato correrà parallelo ai binari delle FFS e della RhB.

Ruscelli e passaggi faunistici

Lo spostamento della carreggiata sud pone tutta una serie di difficoltà non facili da superare. Il tratto da risanare è infatti attraversato da diversi ruscelli che scorrono sotto le due carreggiate dell'autostrada e sotto i binari della ferrovia e sfociano nel Reno. Senza dimenticare il corridoio faunistico d'importanza nazionale che incrocia il tracciato dell'A13. Per il committente USTRA si tratta non solo di risanare l'autostrada, ma anche di sistemare le sponde dei ruscelli al fine di evitare le esondazioni e creare un passaggio sicuro per la fauna (cervi, volpi ecc.) al di sopra dei binari e delle quattro corsie autostradali.

Bunker militare e sbarramento anticarro

Lo spostamento della carreggiata sud ha posto un'altra sfida molto complessa. Sascha Eichelberger, responsabile del progetto parziale Tracciato, racconta: «Sul primo tratto c'era un vecchio bunker dell'esercito con pareti spesse fino a due metri. Sopra c'era una pista in cemento con uno sbarramento anticarro. Ci è voluto circa un mese per demolire il bunker e lo sbarramento con due ruspe». Ora tutte le vecchie costruzioni dell'esercito sono state rimosse e un potente escavatore MHL340 sta smantellando i guardrail.